La forma dell’acqua

dsc_0008

Dopo tanto silenzio, torno sul blog per condividere questa affascinante notizia, l’esistenza di due diverse forme di acqua, ovvero di due distinte fasi liquide dell’acqua che a bassissime temperature si separano, galleggiando l’una sull’altra. La notizia è stata pubblicata su Science ed io l’ho letta su AdnKronos.

Francesco Sciortino, lo scienziato che ha scritto l’articolo, sottolinea che la competizione tra queste due strutture spiegherebbe le anomalie dell’elemento più prezioso e abbondante della Terra. Il fisico spiega che “l’acqua infatti ha un comportamento che differisce da quello di tutti gli altri liquidi esistenti in natura. Per esempio come solido ha una densità inferiore che come liquido (si spiega così il galleggiamento del ghiaccio), ha un calore specifico molto alto (è in assoluto il liquido che impiega più tempo per riscaldarsi), ha una tensione superficiale elevata (le gocce d’acqua rimangono integre su molte superfici, come sulle foglie delle piante, e non si espandono come gli altri liquidi)”.

So che non importerà a molti e che esistono questioni molto più importanti e urgenti, ma questo è un blog personale e qui vorrei condividere la speranza che mi pervade tutte le volte si scopre qualcosa di nuovo quando credevamo di sapere tutto.

Persino l’acqua, così trasparente, ha ancora i suoi segreti.

foto by Pannonica

Piero Guccione

Era una di quelle persone, anzi, di quegli artisti che, una volta conosciuti, sono proprio come te li aspetti. Non si tratta di proiezione delle aspettative ma della sua comunicazione, verbale e del corpo, delicata ma allo stesso tempo profonda, come i racconti che uscivano dalle sue tele.

Aveva quel modo di illuminare l’intimità delle cose senza mai profanarle che ho incontrato raramente, nei versi di Emily Dickinson o nel pianoforte di Bill Evans, ad esempio.

guccione2

 

Arrivederci Maestro.

 

L’attimo fuggente

Oggi L’ATTIMO FUGGENTE compie 29 anni, notizia appena letta.

Come fosse Musica

clouds

Sono salito sulla cattedra per ricordare a me stesso che dobbiamo sempre guardare le cose da angolazioni diverse. E il mondo appare diverso da quassù. Non vi ho convinti? Venite a vedere voi stessi. Coraggio! È proprio quando credete di sapere qualcosa che dovete guardarla da un’altra prospettiva.

(Prof. Keating in “L’attimo fuggente”)

foto by Pannonica

View original post