Razionalismi e lampi di stupidità

Ho sentito in tv che gli scienziati dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia studiano i fenomeni sismici avvenuti nel passato per prevedere, con calcoli basati su modelli ricavati da questi studi, fenomeni futuri. Immaginano il futuro guardando il passato.

La storia. Studiarla sembrerebbe la chiave di volta per sapere cosa fare in caso di. Dovrei ricordarmene tutte le volte che cerco di capire certe mie derive, così da prevedere i miei personalissimi cataclismi, fatti di tsunami, terremoti e lampi di stupidità.

Ok, la storia insegna. Mettiamo pure che sia vero (e, in parte, lo è). Il vero problema, però, è che tra prevedere e prevenire c’è una grande differenza. E’ proprio la storia che mi ha insegnato che molto spesso le persone, pur prevedendo l’esito catastrofico (persino per se stesse) delle proprie azioni, le compiono comunque. Un po’ per ingenuità, un po’ per presunzione o solo per cecità, rimettono in piedi vecchi drammi con nuovi attori, convinti che “questa volta” il finale sarà diverso, senza fermarsi un attimo a riflettere sul fatto che continuare a fare ciò che si è sempre fatto porterà sempre agli stessi risultati. A loro va tutta la mia solidarietà perché, modestamente, anch’io in gioventù ho fatto la mia parte per tenere alta la media dei partecipanti alla schiera. Oggi diserto un po’, ma solo un po’. Ogni tanto, mi accodo al gruppetto in fondo, quello dei “consapevoli”.

La spasmodica ricerca di un antico riscatto o di un perdono (nella loro accezione più ampia) ha reso l’umanità popolata prevalentemente da serial pirla?

Annunci

11 pensieri riguardo “Razionalismi e lampi di stupidità

  1. Peccato riuscire, almeno per me , riuscire a capire cio’ che mi fa ripetere sempre lo stesso schema, solo quando certi schemi mi hanno “imbrigliato ” la vita, Non ci sono riscatti migliori di quelli di riuscire a romperli…buon anno nuovo!

    Mi piace

  2. Come hai ragione ! Sono arrivato ben oltre i 50 e continuo a fare sempre gli stessi errori. Cambiano gli attori ma la storia si ripete. Magari con sempre meno dolore ma (almeno per me) ci portiamo il germe di ciò che siamo. Il problema è che quando credi che una storia sia giusta, è difficile convincersi del contrario !

    Buon inizio anno.
    Ciao.
    Stefano.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...