NotteTempo (12 anni dopo)

L’argento vivo s’è fatto catrame denso che non lascia spazio ad altro. Occupa tutto. E’ tutto. Non c’è più identità. Non c’è più spazio. C’è solo il tempo, quello che all’esterno scorre e che, dentro, è un’attesa di altro tempo. Il respiro rallenta. Si entra in riserva.

Manca una musica a tutto questo silenzio, mentre fotogrammi senza colore sembrano girare nel vuoto in cui niente risuona o viene riflesso; tempo senza spazio, una sorta di buco nero dove le leggi della fisica non hanno più alcun valore.

Ci sono frammenti di futuro in questo presente di cui è inutile cercare i confini. Ogni limite individuato si rivela semplicemente un nuovo orizzonte. C’è traccia d’infinito dappertutto.

Così, scema, non cercare la tua nuca ad ogni vetta raggiunta, non cercare il segnale d’arrivo del viaggio: perché il cerchio non si chiude, è la linea che si spezza.

Resta e accarezza le dune di un letto disfatto, con l’ombra, addosso, di quell’innegabile sensazione di non essere in grado di vedere la bellezza.

Forse, davvero, l’inferno non è fuoco ma gelo.

Forse avrei bisogno di prendermi un esaurimento nervoso. O di dormire. Mi accendo una sigaretta.

Annunci